News


 

Salvo, Al bar Sport, 1981, oil on cardboard.
Private Collection, Germany. Courtesy Archivio Salvo.


 

SALVO
bar e chiese

10 November – 22 December 2017

Opening reception
10 November 2017
from 6 to 7.30 pm

Galerie Mehdi Chouakri
Fasanenplatz
Eingang / Entrance Fasanenstrasse 61
10719 Berlin
Tel. +49 30 28 39 11 53
Fax +49 30 28 39 11 53
www.mehdi-chouakri.com
galerie@mehdi-chouakri.com



SALVO
UN’ARTE SENZA COMPROMESSI

Curated by
Matteo Galbiati

19 October – 23 December 2017

Opening
18 October 2017, 7 pm

GALLERIA DEP ART
Via Comelico, 40
20135 Milano



TRENT’ANNI

21 September 2017 –
20 January 2018

Opening
21 September 2017, 6.30 pm

GALLERIA IN ARCO
Piazza Vittorio Veneto, 13
10124 Torino



LA SOLARITÀ NELLA PITTURA

23 September – 7 October 2017

Opening
23 September, 6 pm

GIAMPIERO BIASUTTI,
STUDIO D’ARTE PER IL ‘900
Via della Rocca, 10
10123 Torino



SALVO/ BOETTI
VIVERE LAVORANDO GIOCANDO

9 April – 27 August 2017

Opening
Saturday 8 April, 5 pm

LAC LUGANO ARTE E CULTURA
Piazza Bernardino Luini 6
Lugano

 


SALVO
Se io disegno questo

10th February – 13 April 2017

Norma Mangione Gallery
Via Matteo Pescatore 17
10124 Torino

 


We are glad to present a new book dedicated to Salvo
recently published by Nero.

Salvo

This book is a tribute to the artist Salvo (Salvatore Mangione, Leonforte 22 May, 1947 – Turin 12 September, 2015). Drawings from the personal Salvo archive, some of which have never been published before, together with two poems written by the artist for “Salvo. Seven etchings and seven poems,” Volpaia Books, are published here. This publication is a small atlas which functions as a guide through the work of Salvo as well as through the cultural geography and Mediterranean landscape that stretches from the hills of northern Italy to Sicily, from ancient Greek classicism to the oriental sunsets of the Balkans. The drawings are presented in the form of sketches and, they are like the handwritten draft of a poem – a sudden inspiration that has been jotted down on paper. If we look carefully, the drawings are composed of elements that are repeated and become, from time to time, complex solutions that transform the artist’s inner universe into visions that the reader must decipher. Salvo is the third volume of the series of books by NERO printed in Risograph in a small format, curated by Alessandro Cucchi.

read more


SALVO,
LA STRADA DI CASA

Curated by
Luca Beatrice

15 February – 29 April 2017

Opening
15 February 2017, 6.30 pm

GALLERIA IN ARCO
Piazza Vittorio Veneto, 3
10124 Torino

Il 12 settembre 2015 Salvo è scomparso dal mondo, lasciando un vuoto incolmabile nell’arte italiana e di Torino, la sua città d’adozione.
Inutile sottolineare ancora una volta la storia di un intellettuale –questo il termine che meglio gli si addice, non solo pittore approdato ai colori dopo una significativa militanza concettuale- autodidatta spinto da una curiosità vorace, certamente uno degli uomini più colti che ho mai incontrato. Per Salvo essere artista voleva dire stare in bilico tra il ragionamento teorico e l’esercizio erudito, il coup de theatre e le esigenze del mercato, la soluzione improbabile e il mestiere collaudato. Con lui mai un momento di noia, la sensazione di ripetersi, l’autocompiacimento di fronte a un mestiere sì bello ma in fondo pur sempre un lavoro, più quotidiano che eroico.
Potrei sottolineare i tanti incontri, le cene, i viaggi, tutto sempre condito da uno spirito di avventura leggero e ironico. Farei però torto all’artista, immenso, raffinatissimo, mai banale. Una fortuna averlo incontrato, conosciuto, lavorato, un po’ perso con rammarico negli ultimi tempi. Salvo ha rappresentato una delle più autentiche ragioni che mi hanno spinto ad approfondire questo mestiere. Eppure raramente abbiamo parlato di pittura: molto più di libri, film, curiosità, calcio anche. Di fronte a un suo quadro era sufficiente guardare. E lasciarsi andare.
A dieci anni esatti dalla retrospettiva che gli dedicò la GAM di Torino, una “medaglia” che Salvo accettò con il suo solito pudore e la sua proverbiale riservatezza, la Galleria In Arco ripropone un percorso esaustivo e completo nella pittura dell’artista siciliano, che era nato a Leonforte nel 1947, offrendo una sorta di “best of” di una carriera davvero importante, a partire dagli anni Settanta, quando si consumò il definitivo passaggio da quello che Renato Barilli aveva chiamato il concettuale differente al dipingere, fino ai tempi più recenti, in cui Salvo prosegue nella sua esplorazione inesausta della pittura di genere, tra paesaggio, natura morta, scena d’interno, inserendo raramente alcuni personaggi e figure. Una sfida soprattutto con se stesso, nella ripetizione mnemonica, mai appuntata, di quegli elementi che servono nella costruzione di un quadro al fine di raggiungere la perfezione, come in un’inquadratura cinematografica.
Ho voluto prelevare, per questa mostra, il titolo di un suo quadro: La strada di casa. Perché tornare a scrivere di Salvo oggi per me significa davvero ritornare in uno dei luoghi per me più cari e importanti nella mia attività di critico. La Galleria In Arco di piazza Vittorio Veneto, che proprio nel 1990 aprì la nuova e definitiva sede con una sua spettacolare e rarissima mostra, Interni con funzione straordinaria, un unico soggetto ripetuto tante volte su variazioni minime, a ribadire se ce ne fosse ancora bisogno che la pittura è prima di tutto risultato del pensiero, della teoria e dell’intelligenza.
Sempre rispondendo a un invito di Sergio Bertaccini, mi sono poi ritrovato a scrivere per Là, metà anni Novanta, uno dei testi a cui sono più affezionato perché Salvo mi consentì l’utilizzo di una lingua sperimentale dove il linguaggio critico era messo da parte in favore dell’esercizio mnemonico, una specie di Je me souviens ispirato al grande maestro Georges Perec.
Pubblichiamo ora, per l’occasione, un catalogo ancor più ricco della mostra, un repertorio caleidoscopico di immagini e figure da sfogliare come un album. Non di ricordi, soltanto, ma di frames a colori che dimostrano, una volta di più, la grandezza solitaria, senza uguali, di un talento puro che ho amato tantissimo e di un uomo che mi manca altrettanto.
Non so dove sia Salvo ora, ma sono certo che se leggerà queste parole le troverà esagerate, assumerà un’espressione tra il contrito e l’imbarazzato, chiedendomi per favore di non esagerare.

Luca Beatrice